giovedì 15 novembre 2012

Considerazioni "a freddo"



Lasciata sbollire la mia agitazione per qualche giorno e superato lo shock di vedere l'ennesimo finale che spezza bruscamente la narrazione, mi sento in dovere di dar voce e al tempo stesso rassicurare i nostri follower più accaniti.

Nel precedente post ho visto (con grande piacere) autogenerarsi una discussione tutt'ora in atto tra alcuni utenti che dicono la loro sull'ultimo capitolo della saga, Assassin's Creed III.
Come sempre la verità sta nel mezzo e anche io, dopo le prime discussioni con gli altri del team che mi aiutano su faccialibro, ho rivalutato alcuni aspetti e consolidato alcune osservazioni avanzate.

A chi sta a cuore la trama è probabile infatti che questo capitolo abbia suscitato disorientamento, e la reazione è più che naturale.

Dovendo definire ACIII, epurando il mio giudizio dalle mie idee soggettive, direi che questo capitolo è controverso e lo è per una ragione semplice: è stato più volte annunciato come capitolo conclusivo delle avventure di Desmond, ma la sua presenza in proporzione ai tempi di gioco e all'incisività degli argomenti da trattare è relativamente fugace. Che succede?

Succede che molti dei miei timori e delle mie perplessità si sono avverati il 31 Ottobre scorso, giorno di lancio in Europa di Assassin's Creed III.
Ovvero tutti i rischi di inserire un nuovo antenato nell'atto conclusivo della trilogia del signor Miles si sono manifestati.
Hutchinson è stato di parola, il suo intento era quello di creare un Assassin's Creed che permettesse anche ai fan dell'ultima ora di avvicinarsi alla saga senza problemi e così è stato.
A ben vedere infatti questo AC ha così pochi legami coi suoi predecessori che se non fosse per le motivazioni (deboli) per le quali Desmond è costretto (costretto nel senso letterale del termine) a rivivere le memorie del suo nuovo antenato, il tutto potrebbe essere serenamente asportato senza che l'universo della saga ne risenta. E l'inghippo sta proprio qui.

Cosa ha comportato l'arrivo del nuovo antenato l'ho argomentato nei mesi passati, pertanto non starò qui a ripetere, dico soltanto che in questo momento mi viene da sorridere nel vedere che alcuni di quei "fan" che accolsero con entusiasmo l'annuncio dell'Assassino pellerossa ora si lamentano del trattamento frettoloso riservato al resto delle vicende.

Mi verrebbe da chiedergli che cosa si aspettavano, quando in parte è anche colpa del loro rifiutarsi di dar maggiore spazio al racconto nel presente preferendo di congelarsi nell'esperienza nelle varie epoche storiche che tanto hanno affascinato negli anni scorsi ma che comunque avevano una funzione ben precisa per determinare specifiche scelte narrative.

L'introduzione di Connor nel main-plot ha infatti generato una nuova parentesi di sospensione che ha messo per l'ennesima volta in pausa tutto il resto. Connor tiene in stand-by la storia di Desmond&Co per l'80% del gioco e fa partire quel 20% di trama nel presente a 2.000 all'ora, senza dare il tempo a chi ne fruisce di metabolizzare e di apprezzare quel lato della storia fino ad ora lasciato sempre in secondo piano.

La naturale conseguenza di determinate scelte insomma. 

E' tutto così nero? No.
I contenuti infatti ci sono, il problema è che sono stati trattati con poca attenzione. A questo giro il come ha determinato il cosa.
L'attenzione tutta rivolta a Connor ha infatti penalizzato malamente Desmond e compagnia moderna, che si ritrovano a raccontarsi in quel poco tempo concessogli tra una sessione e l'altra nell'America in rivoluzione.

Ma ripeto, i contenuti ci sono e nelle settimane a venire, se avrete il piacere di seguirci ancora al termine di questo ciclo, ve li mostrerò un poco per volta.

Salute e Pace.



87 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggere le vostre impressioni sul finale! Io ho delle idee molto precise, ma i "nuovi" fan di Assassin's Creed che si rivolgono per la prima volta al titolo hanno dei pareri molto contrastanti...

    RispondiElimina
  2. Ci sono molte cose da dire, anche sulle molte dichiarazioni di Giunone...

    RispondiElimina
  3. A mio avviso AC3 è stato poco curato, troppa carne buttata li sul fuoco senza poi spendere tempo a controllare che la carne si cuocia bene...avviso i lettori che sono presenti SPOILER in questo commento...

    al di là del fatto che l entrata in scena di connor ha mandato a rotoli la trama principale, la cosa che m ha particolarmente dato fastidio è stato Daniel Cross, con questo capitolo han buttato via anni di bel lavoro, un personaggio ben caratterizzato, fino al 31 ottobre era il piu forte e temuto agente, nell universo di assassin's creed era forse il personaggio piu interessante, e invece in AC3 gli fan fare la fine del peggiore degli sfigati, uno scontro epico che poteva essere Desmond contro Daniel si risolve in un uccisione al volo mentre Daniel scappa come se fosse un agente qualsiasi, ho trovato piu difficile uccidere gli agenti all entrata dell abstergo, è stato davvero deludente...
    oltre a questo Ubisoft s è lasciata scappare l occasione di altri due scontri che potevano essere epici, Connor contro suo padre, che si risolve con due schianti contro due barili, e Connor contro Charls Lee, colui che ha ucciso quasi tutto il suo popolo, colui che Connor odia piu di ogni altra persona, si risolve anche qui in una rincorsa e inspiegabilmente in due filmati dove il videogiocatore non riesce neanche a scaricare l adrenalina riempiendo di schiaffoni Lee...
    hanno introdotto Benjamin Franklin senza caratterizzarlo abbastanza, e soprattutto s è visto solo un paio di minutini scarsi...
    Washington introdotto da Soggetto 16 dove lo indicava come un possessore di una mela dell eden, in AC3 non si accenna neanche un secondo a questo, come se questo capitolo non fosse per niente collegato ai precedenti...
    il mio piu grande cruccio però resta il fatto che come sempre ci si scorda che il vero protagonista è desmond nel presente e non l antenato, questo capitolo doveva essere l apoteosi di desmond e invece ancora una volta viene relegato a pochi minuti di azione...

    In sostanza, se devo parlare da videogiocatore, momenti di divertimento ci sono stati, se devo parlare da fan di assassin's creed che sta attento alla trama, ma che sopratutto segue l intero universo di assassin's creed, questo capitolo m ha quasi deluso...
    vorrei solo capire perche ad ubisoft piace cosi tanto rovinare le cose, maledetti!
    devo dire però che dopo aver letto su internet il finale di AC3:Liberation sembra che ubisoft si sia voluta parare il "fondoschiena" inserendo un discutibile quanto eccitante avvenimento, ma di questo lascio discutere voi che siete piu esperti e bravi

    grazie del magnifico lavoro che fate, aspetto con ansia i prossimi articoli

    Christian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Unica considerazione. Non hai visto tutti i dialoghi con Rebecca. In uno di quelli, lei accenna al soggetto 16 ed alla mela di Washintong. Shaun afferma che il dipinto presentatoci dal 16 rappresenta un mometo della rivoluzione successivo all'esperienza di Connor. ;)

      Elimina
    2. Puoi spoilerarmi il finale di Assassin's Creed Liberation?

      Elimina
  4. Inizio col dire che sono deluso solo da come vogliono continuare la storia principale, o per meglio dire quella del presente, perché dopo 4 capitoli in cui si cerca di dare a Desmond tutte le capacità e le abilità di un assassino, trattarlo alla fine come un tramite di poco conto tra presente e futuro è uno scempio.

    Per quanto riguarda la trama e l'inserimento di Connor, non posso essere che positivo nel dichiarare quanto questo personaggio, e soprattutto la sua storia, sia stata curata, tralasciando i personaggi di spicco come Washington e Franklin che spero di vedere nei DLC. Amareggiato si, per i vari scontri e duelli "principali", anche se sono conscio che non tutti si possono uccidere saltando da un albero al volo.

    Ora mi rivolgo in particolare a chi dice che l'inserimento di Connor sia una cosa un poco forzata, a mio avviso era impossibile che Desmond si potesse ritrovare d'innanzi al tempio ad escogitare un modo per salvare il mondo, saltando da un paese all'altro alla ricerca di qualche, componente miracoloso, qualcosa di eclatante, doveva pure succedere. E poi in che modo avrebbero avuto accesso al santuario senza una nuova chiave?
    Le mele dell'eden si sa, sono almeno 6, chiunque avrebbe potuto aprire il tempio ed impadronirsi di quel sapere, in questo caso Connor è un ottimo espediente per motivare la ricerca della chiave.

    Su Daniel Cross devo dire che la ragione sta dalla parte di chi lo voleva più partecipe, ma alla fine di questo capitolo, il suo apporto ed i suoi problemi mentali non potevano che terminare in questo modo.

    Infine, analizzo quello che è Assassin's Creed.
    Un gioco che ci ha portato a rivivere splendide epoche e città meravigliose per com'erano un tempo, un gioco che si avvicina più alla storia passata che al presente metropolitano, un gioco con un BG complicato la cui trama principale è lo scontro millenario tra due fazioni non solo templari ed assassini, ma QVP e umani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haiden la butto lì così come ho fatto in privato con gli altri del team: la porzione narrata di Desmond in ACIII poteva serenamente essere l'incipit del gioco, incentrato sul tentativo di fermare tu sai chi. Il tutto condito con la presenza Templare che mette i bastoni tra le ruote come è giusto che sia. Il portale poteva essere serenamente aperto nuovamente con la mela, bastava dare maggior risalto alla ricerca delle batterie.
      E questo è solo un esempio, la storia dell'amuleto è debolissima e lo sai meglio di me.

      Per quanto riguarda cosa è Assassin's Creed, quella che tu esponi è la percezione di noi fruitori ma non è di certo la prospettiva del narratore, i viaggi nelle epoche avevano una funzione ben specifica che per quanto mi riguarda in ACIII vacilla non poco.

      Elimina
    2. La storia dell'amuleto può essere debolissima come no... semplice esempio: normalmente la gente di notte chiude la porta di casa; giunone ha messo anche il gancio e inserito l'allarme, come ogni persona normale farebbe. Un'arma così potente e in grado di fare quello che ha fatto andava tenuta al sicuro.

      Poi il passato in questo capitolo ci ha permesso anche di vedere quanto gli obiettivi di Assassini e Templari siano identici, visti però con prospettive diverse. Ok, si sapeva, ma in ACIII è stato sottolineato come non mai (e già con Revelations e Selim, dopo l'età buia dei Borgia, si era cominciato a vedere).

      Elimina
  5. Ma guardate, è una FORTUNA che a Desmond hanno lsaciato un 20%... se lo organizzavano come hanno fatto all'Abstergo c'era da piangere XD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oc il problema è che quello vediamo all'Abstergo è il risultato di una scarsa attenzione, non il motivo scatenante.
      Dovendo focalizzarsi su quel fronte con le giuste risorse il risultato sarebbe decisamente diverso. Mi rifiuto di pensare il contrario. Basti vedere lo schema comportamentale delle guardie, che è praticamente identico ai soldati affrontati da Connor, solo che quelli imbracciavano dei moschetti a colpo singolo mentre gli agenti templari hanno delle semiautomatiche. Quasi fosse un riempitivo quella porzione di storia.

      Elimina
  6. Coso, se posso permettermi, da utente che ha seguito in silenzio lo splendido lavoro tuo e dello staff, ti esorto a mollare questa saga.
    Ci sono altri giochi di cui parlare, altri argomenti più interessanti nel mondo dei videogames di cui puoi essere un valido interprete. Non lasciare che AC ti trascini nel baratro in cui sta sprofondando.
    E' sempre più evidente la scollatura tra voi veri fan della saga e gli sviluppi della saga stessa.
    Questo seguito è deludente sotto ogni aspetto, ma è acclamato dalle folle. Le folle che UBISOFT ha conquistato a discapito della coerenza e della qualità del prodotto. Il tuo lavoro sarà sempre più difficile e i pezzettini di senso da raccogliere per tenere insieme un discorso logico sempre più piccoli.

    Ti auguro buona fortuna.
    Geronimo


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geronimo, sarò sincero: attenderò eventuali annunci futuri e a seconda delle scelte che prenderanno mi comporterò di conseguenza. Come fai ben notare è un peccato che una storia si pieghi alla volontà di chi la ascolta e non di chi la racconta.
      A questo giro conto di completare il ciclo, mi disturba di lasciare incompleti i contenuti del blog, dopodiché il resto è tutto da vedere.
      Certo è che se hanno intenzione di prendersi una pausa (ipotesi mia eh?) e far il salto nella prossima Next Gen di console, la cosa diventerà un bel problema.

      Salute e Pace

      Elimina
    2. Che poi si piega non tanto a chi la ascolta, ma a quelli che "possono correre sugli alberi, gioco dell'anno"

      Elimina
  7. La next gen mi sembra un pò troppo lontana per il nuovo capitolo di una serie che mi pare di aver capito essere diventata praticamente esplicitamente annuale .. e a proposito del tema Desmond, sono assolutamente d'accordo, più che scarsa attenzione è proprio frettolosità che trasuda da tutta la storia di Desmond.. cioè, sarebbe accettabile per un DLC fatto in fretta, ma non come capitolo conclusivo della saga.. cito due esempi: come hai già detto, la missione alla Abstergo sarebbe potuta essere EPICA se non fosse per qualche piccolo dettaglio:
    1) come hai detto, lo schema comportamentale delle guardie abstergo è uguale a quello delle guardie del '700 solo con delle pistole semiautomatiche che ovviamente non useranno spesso anzi nella loro grande intelligenza spareranno un colpo alla volta mi pare come se avessero davvero un moschetto e non per dire una moderna M9..
    2)Anche le mosse di Des sono copiate da quelle di Connor: la lama celata e un coltello da combattimento spuntato dal nulla.
    3)Non parliamo di Daniel!! la sua partecipazione si riduce a un breve incontro a Manhattan con epica fuga che ci stava bene ma dopo un combattimento più serio magari; Una breve chiacchierata con Rebecca; una scazzottata allo stadio; un inseguimento in mezzo agli Animi con uccisione in volo come una bestia, manco fosse il più inutile dei personaggi secondari, senza neanche una cutscene..Sarebbe stato bello approfondire il personaggio con almeno un dialogo assassino-vittima che pure era ritornato lungo come quelli di AC :\
    4) Vidic..! L'arcinemico di Des e soci muore così, senza neanche un dialogo diretto decente? e poi scusa Des non poteva usare subito la Mela? non ci aveva pensato, visto che praticamente poteva sentirsi come un dio?
    5) dimenticavo.. Come dice anche Vidic, come può pensare Desmond di cui ci sono manifesti dappertutto, conosciuto dalle guardie e dai tutti gli impiegati Abstergo, con un abbigliamento che ricorda quello classico da Assassino, con tanto di cappuccio e lama celata, passare per l'ingresso? diciamocelo, alla Ubi non avevano tempo per pensare a un'entrata migliore.
    6) il resto lasciamolo stare.. La storia di Connor non è male tutto sommato (anche se il nuovo taglio alla mohicana non mi va giù..) ma la storia del presente che dovrebbe essere il filo conduttore di tutti i capitoli è stata una delusione.. dopo aver finito il gioco ho provato una generale nausea e il giorno dopo ho giocato a Battlefield 3.. solo dopo qualche giorno ho ripreso la storia (cioè le missioni secondarie) ..
    che poi anche se il Credo come detto da altri su Facebook pervade la vicenda senza essere direttamente citato, il gioco pare davvero slegato dagli altri (almeno quelli a cui ho giocato)..quasi uno spin-off. Scusate la lunghezza ma quando inizio a scrivere perdo il senso della misura.. è proprio vero: un ottimo gioco, un pessimo Assassin's Creed.

    RispondiElimina
  8. Ne approfitto per dire la mia.
    Devo dire che la parte di Connor è secondo me bella, semplicemente bella. A parte il fatto che questo capitolo ha finalmente un livello tecnico molto più elevato rispetto agli altri, il Social Stealth torna a splendere. Non è più macchinoso come in precedenza ed ha un ruolo decisamente più simile al primo AC. Parlando della trama invece, sempre riferendomi alla parte di Connor, anche quella è curata, e le contrapposizioni ideologiche fra assassini e templari sono quasi più controverse di quanto lo erano nel primo capitolo... ma sinceramente, se questo deve togliere tempo e qualità a cose molto più importanti per la trama, ci avrei benissimo rinunciato. Il gioco sarebbe stato altrettanto buono dando l'importanza meritata al presente, ANCHE SENZA SCUOIARE ORSI E SALTARE SUGLI ALBERI. Per salvare la saga per me bastava approfondire come si deve i seguenti argomenti: discendenza non solo dei vari protagonisti ma anche degli assassini stessi da Coloro che vennero prima, e di conseguenza il sesto senso, la ribellione, il ruolo di Adamo ed Eva; Poi appunto, c'è questa Eva che cosa cazzo l'hanno nominata a fare, ed ancora la guerra Assassini-Templari, anche se nel passato questo è stato fatto abbastanza bene.
    E per ultimo ma non meno importante, parliamo di queste uccisioni di Daniel e Warren... grazie, davvero grazie Ubisoft per aver fatto schiacciare a me il tasto per uccidere Warren. Ma un discorsone con i controcazzi fra Desmond e la sua vittima, in puro stile Altair e tutti gli altri, me lo potevi pure dare! Lo stesso con Daniel, che è stato trattato davvero male.
    Io degli aspetti positivi gli ho trovati comunque poi, eh. Se non proprio nel finale, almeno nel mentre alcuni spunti interessanti sono venuti fuori, ed ho anche amatola parte del finale in cui si parla del ciclo che si ripete, chi ha visto mi capirà. Erano questi titpi ld spunti che mi aspettavo ed in cui speravo per il finale, ma se fossero stati un po' più approfonditi non mi sarebbe dispiaciuto.

    -Pasquale De Felice

    RispondiElimina
  9. Non mi pare che rimanga molto da aggiungere, ma comunque dirò la mia. A mio parere sarebbe sato magnifico un assassin's creed 3 nel presente, dato che Connor non ha motivo di esistere. La ricerca della chiave è un pretesto, come tutti hanno intuito. Infatti perchè nessun altro aprisse la porta sarebbe bastato il DNA QVP del buon vecchio Des.In realtà il problema poteva essere il free-roaming, ma sarebbe stato bello vedere in che modo si poteva sviluppare una città moderna americana, con palazzi e annessi. Del resto la Monteriggioni di brotherhood era uguale a cinquecento anni prima, anche se con qualche auto in più.

    -MS-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Ubisoft l'avrebbe fatto AC3 solo su Desmond, anzi l'idea iniziale era proprio questa, ma la colpa non è loro ma dei fan più interessati al passato che al presente. Un gioco basato solo sul presente avrebbe perso tanti acquirenti...
      Figuriamoci, il 90% dei commenti si lamentavano che non ci fosse Ezio ne le belle strutture del rinascimento... figuriamoci se lo facevano sul presente come reagivano...

      Elimina
    2. Un AC nel presente non ha senso di esistere... e si è visto grazie alle sessioni di Desmond... fatevene una ragione

      Elimina
  10. Mi aggiungo alla coda di commenti qui di sopra, anche se sarò brevissimo. Secondo me Connor ci incastra bene (anche se potevano organizzare meglio la sua storia), è un Assassino, ma 6 sequenze utili (è solo dalla 6 che sei Connor assassino) sono troppo poche per affezionarsi al personaggio. In generale anche la storia di Des è fatta troppo di fretta, stile toccata e fuga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non si incastra perchè non c'è un motivo logico per rivivere i suoi ricordi. Si sarebbe potuta trovare la chiave semplicemente con un gioco incentrato sul presente. Tra l'altro, cosa che nessuno ha notato...come mai, sebbene abbiano detto nel gioco stesso che con il suo incontro con il 16 Des abbia migliorato la sincronizzazione, non possono skippare direttamente alla sequenza dove Connor nasconde la chiave? I problemi verificatosi con Altair ed Ezio sarebbero dovuti essere logicamente risolti. E' tutto così dannatamente forzato...Ubisoft è una vergogna. Buttare nel cesso una saga così...bah. Dovrebbero esserci più Hideo Kojima in giro...

      Elimina
    2. In realtà non sanno in che sequenza Connor nasconde la chiave. Giunone ha solo stimolato l'effetto osmosi, poi non sanno qual è il punto che a loro interessa ed è per questo che rivivono tutti i ricordi. Che poi Giunone ha semplicemente trovato questo sistema per far perdere a Desmond tempo, poiché Minerva voleva che Des giungesse lì molto prima, così magari avrebbe trovato modo di salvare il mondo e allo stesso tempo di impedire il ritorno di Giunone, cosa che non ha potuto fare poiché ha finito di rivivere i ricordi proprio il giorno in cui sarebbe iniziata la catastrofe, quindi Giunone aveva calcolato i tempi. In ogni caso è logico che è un pretesto la chiave, tutto può essere un pretesto, anche rivivere i ricordi di Ezio e non di Altaìr per l'effetto osmosi e tanto altro, sono scelte narrative. Che poi se non hanno fatto un gioco sul presente non è colpa della Ubisoft, ma dei fan che vogliono per forza rivivere eventi storici

      Elimina
    3. Mario il problema non è tanto cosa è o non è un pretesto, ma QUANTO quell'espediente sia pretestuoso. E l'amuleto è decisamente troppo pretestuoso.

      Elimina
  11. Queste la dichiarazione di Alex Hutchinson prima dell'uscita del gioco.

    "Le cose che vanno avanti troppo a lungo" ha spiegato Hutchinson, "perdono di risonanza. Stiamo chiedendo alle persone di ricordare sette anni di storia. Sarebbe come a dire che eri alle scuole medie, ma ora stai finendo l'università, e devi ricordare cosa facevi ai tempi delle medie."

    "Penso che Desmond debba arrivare ad una conclusione" ha chiuso, senza mezzi termini, Hutchinson.

    E' il più grande fallito della storia dei videogiochi. Ma dopotutto, non ci si può aspettare nulla di più da uno che ha sviluppato Dante's Inferno.

    RispondiElimina
  12. ciao a tutti, inizio col dire che condivido la delusione generale, il mio ideale di AC3 non era ne come è stato, ne seguendo la teoria di Coso, ovvero interamente nel presente, diciamo che la perfezione sarebbe stata con connor e desmond che se la battevano 50 e 50, 6 sequenze l'antenato e 6 il protagonista; penso che a Desmond andasse dedicato più spazio e soprattutto, curato meglio, ed al contrario tagliare qualcosina su connor che sarebbe poi potuta essere approfondita in un DLC o espansione; poi però mi rendo conto che oltre a dilungarsi incredibilmente su connor, gli amici ubi si sono concessi anche un introduzione generosissima su Ithan! allora è chiaro che Desmond è stato volutamente trattato così, non si tratta di un errore, hanno intenzionalmente trascurato des, hanno cercato di curare al massimo la parte nel passato sperando che i fan non si accorgessero dei tagli nel presente, cosa che ha funzionato con i nuovi, i più giovani e quelli che della trama ci hanno capito ben poco, ma per gli "accaniti della trama" come siamo noi si è trattato di uno scempio, non dico che sia l'ultimo AC che giocherò, ma di sicuro l'ultimo che compro...

    RispondiElimina
  13. Ottimo gioco, pessimo Assassin's Creed: queste sono le uniche parole che riesco a pensare.
    Il gioco in se è bello e curato, a livello tecnico è proprio fatto bene ed è anche coinvolgente, ma quanto a storia .... non solo l'unico che si aspettava di più. Il più grande difetto di questa vicenda non sono tanto le motivazioni per cui Connor entrato in scena o il mondo in cui Vidic e Cross muoiono, ma semplicemente la v-e-l-o-c-i-t-à e una spudorata mancanza di regia. Non sapete quante volte ho sperato che il finale fosse come quello di Mass Effect 3: nostalgico, con dei flashback rapidi e significativi, musica d'effetto e dei cazzo di dialoghi brillanti. Niente di tutto questo si è visto. La missione all'Abstergo poi ... l'aspettavo da quando nel II facciamo scappare Vidic col suo furgoncino (il finale per internderci) e poi? Uno sparo e via, senza neanche un dialogo, manco una parola ... va beh. Idem per Cross: inseguimento ci stava, ma anche lì una discussione? un duello all'ultima lama? alla fin fine era un assassino pure lui, le abilità le aveva. Se faranno un altro capitolo spero con tutto il cuore sia un spin-off, anche perchè qualsiasi sia il motivo per cui hanno metteranno un nuovo protagonista, scusate la volgarità, ma sarà una stronzata. Già Connor vacillava figuriamoci una nuova saga. Davvero una delusione, pure di vendere di più e attirare anche i fan dell'ultima ora hanno stradicato il credo. L'unico assassino sembra Achille, neanche Connor, che in cuor suo si impegna anche. E' risaputo che i seguiti sono chiamati tali per un motivo, se non vi basta il riassunto iniziale vi andavate a giocare i capitoli precedenti, almeno il II (Che costa 20 euro da Gamestop, forse pure meno) e se ce la fate pure Revelations.

    PS: Fossi lo Staff delle Verità mi arrabbierei per aver fatto così tante congetture su Eva xD.

    RispondiElimina
  14. Io non capisco come si possa essere accecati in questo modo (parlo in generale) dal marketing. Leggo votoni su sto gioco a destra e manca. Non me li spiego.
    Lo reputo un gioco sufficiente, che ha saputo intrattenermi per diverse ore, ma se devo analizzarlo con un minimo di serietà non posso non notarne i difetti. In generale, questo capitolo è una involuzione dei capitoli precedenti, sotto tutti gli aspetti.

    1) La storia di Connor, il carisma di questo personaggio non sono paragonabili a quelli di Ezio. Qua siamo su un altro pianeta, in negativo.

    2) La storia di Desmond non risolve nessun interrogativo, anzi ne aggiunge altri e in più manca totalmente quella cura che rendeva affascinante la narrazione. Non conosco le vicissitudini del team, ma mi rimane difficile credere che le stesse persone abbiano potuto creare AC2 e AC3.

    3) Le arrampicate. Volete mettere le arrampicate dei capitoli precedenti, a Venezia, a Firenze ecc ecc Lì era un bel vedere, l'introduzione del rampino aveva reso ancora più fluide le scorribande sui tetti. In AC3 è andato tutto a puttane, si è tornati indietro. Poi, a parte qualche sporadica variazione sul tema (pur sempre scarsa), le chiese sono tutte uguali, gli alberi della frontiera da scalare tutti identici. Ma ve ne siete accorti?

    4) Dal punto di vista tecnico, siamo ancora un passo indietro. Il motore di gioco non funziona, la gente scompare appena ci giriamo, appaiono e scompaiono elementi di gioco e persone. Poi il gioco è pieno di bug, non gravissimi, in generale, ma è proprio zeppo!

    5) Le battaglie navali all'inizio so belle, ma ripetitive già dopo la prima volta, non sono sviluppate ma solo accennate. Alza le vele, gira il timone, spara e abbassati. Ammazza che bello ao! Non c'è possibilità di abbordaggio, è tutto guidato e semplificato al massimo.
    Lasciamo perdere la gestione ridicola degli assassini.

    6) I combattimenti li hanno resi ancora più semplici. Mo appaiono pure i triangoli sulle teste per indicare un attacco. Contrattacca o rompi la guardia, è tutto lì. Mah... in giro si dice che siano migliorati. OMG

    7) La maggiorparte delle missioni secondarie sono completamente inutili. In generale, completamente avulse dalla storia principale. Prese per il culo sfacciate che hanno l'unico scopo di farti spostare da un punto all'altro per farti perdere tempo, del tipo: consegna la lettera, ecchetela, grazie. Oppure gira per i tunnel vuoti.

    8) Il sistema economico del tutto inutile. Anche qui siamo a livello base, ma il tutto non è ottimizzato e i commerci risultano scomodi e farraginosi. Per di più violano qualsiasi legge di mercato. Ad una maggiore produzione corrisponde un costo di produzione maggiore, cosa fuori dal mondo, mero artificio per tentare di costringere il giocatore ad una produzione diversificata. Ma tanto è inutile il sistema in se nell'economia del gioco.

    9) La caccia, altro elemento ridicolo. Qua il paragone con RDR viene spontaneo. Non esiste sfida, si ammazza qualsiasi cosa pigiando un paio di tasti, le specie da cacciare sono pochissime e gli animali respownano sempre negli stessi punti, basta allontanarsi di qualche metro e li ritrovi lì. So belli solo da vedere, che caruccia mamma orsa con l'orsetto.

    Per ora mi viene in mente sta roba. Ecco alla fine ho riflettutto un po' anche io, sto gioco è una presa per culo. Può stupire uno che non ha giocato i capitoli precedenti o che non ha mai giocato a niente.
    Purtroppo non riesco a leggere nessuno che mi spieghi con senso logico in cosa è migliorato questo capitolo rispetto ai precedenti. Leggo solo capricci, pure sulle osannate riviste on-line.

    Scusate eventuali errori, vo di fretta. Buonaserata a tutti. Geronimo

    RispondiElimina
  15. Sono d'accordo sul carisma del personaggio (mi ricorda un pò Altair, smpre freddo e con un'espressione dannatamente sria, sarà una cavolata ma Ezio mi sembrava almeno nel II più umano e non una "macchina da guerra" ) le arrampicae nelle città dipendono anche dall'ambientazione storica, non mi risulta che nelle colonie usassero costruire cattedrali tipo San Marco non so se mi spigo, menttre per gli alberi devo in parte darti ragione così come per la caccia. .non tutte l missioni secondarie sono stupide, le missioni della enuta sono abbastanza varie e diverttenti secondo m perlomeno risptto all' "avee la mia eterna gratitudin signore!" .. pr le missioni navali sono d'accordo a mretà: è vero che non sono poi così varie, ma almeno le missioni con biddle che sto facendo un pochino si ricollegano alla storia. . Poi scusa seo si ima nav del setteceno, cosa vuoi fare? Al massimo avrebbero pouto aggiungere delle missioni da corsaro per derubare navi inglesi.. ma di più .non so. Certo è vero che sono troppo semplificate e soprattutto guidate :/ però sono un pochino meglio nascondendo l'intterfaccia. .sesso dicasi in pare per i combatti, disabilitando l'indicatore di sospetto (mi pare si chiami così) diventa un pò più interessante sia giocare in stealh che combattere.. poi non so ma onestamente a pare dal punto di visto narrativo (in particolare del presente) non mi sembra una TOTALE involuzione, certo è che è stato un gioco molto commerciale ..

    RispondiElimina
  16. Questo gioco in realtà, è totalmente commerciale. Manca di equilibrio. So che quelli della Ubisoft devono avvicinare i nuovi videogiocatori, ma avrebbero potuto trovare dei compromessi. Hanno aggiunto troppe cose a Connor ( introduzione lunghissima su Haytham, molte missioni inutili ) e altrettante ne hanno tagliate a Desmond. Non hanno avuto riguardo per i vecchi fan della saga, e questo mi fa arrabbiare. Non ho speso tutti quei soldi per vedere storpiata una storia così bella, che avrebbe potuto dare così tanto ancora. Eppure eccoci qui. Non so come la Ubisoft voglia proseguire, ma, con tutti i soldi e il tempo spesi per la creazione di AC3, gli costava così tanto avere un po' più di cura?
    Un cazzo di discorso per uccisioni che aspettavo da anni?
    Mi dispice di ripetere cose dette e stradette, ma tanto è il mio amore per questa saga, tanta è la delusione ricevuta, e per quanto possa scrivere ne mancherà perchè possa sfogarmi del tutto.

    -MS-

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Io ho giocato tutti gli assassin's creed per ps3 e devo dire che tutti mi hanno fatto provare un'emozione grandissima. Per esempio: 1:gia in assassin's creed 1 quando Desmond entra nella stanza che ha appena acquisito l'occhio dell'aquila e si domanda cosa siano quei strani disegni sul muro, li dicevi "uauuuu come cavolo va avanti, non puo finire cosi, miii ora mi devo comprare il 2" Per non parlare della "FIGHERIA" del credo degli assassini nel medioevo.
    2:In assassin's creed 2, tutta la trama era gia di per se emozionante solo a terminare i glifi ti veniva un brivido, non parliamo di finire il gioco,di incontrare minerva uauauau, bellissimo
    3:Poi assassin's creed brotherhood . bello i cluster tutte le cose piu o meno normali ma una cosa cambia: il finale. Shoun che si meraviglia quando vede il triangolo "I 72 NOMI DI DIO" , loro che vanno nella cripta ma cosa più importante, dopo l'amicizia che c'era con lucy perchè Giunone la voleva morta, chi si sarebbe mai immaginato che lucy veniva uccisa , e l'anticipazione della comparsa di soggetto 16 alla fine dei cluster. Bellissimo da brivido
    4:Assassin's creed revelations secondo me è semplicemente fantastico in un modo diverso dagli altri perchè in revelations veniva accentuata l'EPICA di questi tre uomini, es: Ezio che dice:"chi siamo noi a tal punto benedetti da raccontarci le nostre storie attraverso secoli" poi finalmente la storia di Altair, quanto è bello quando ti dice "siedi e riposa un'attimo" e si siede a morire con Ezio che gli guarda lo schelettro, e quanto è bello quando soggetto 16 prende Desmond e poi gli dice "ti sto salvando idiota" mentre tutto cade a pezzi con una colonna sonora fantastica, e non solo poi anche quando Desmond si sveglia dal coma e dice adesso so quello che dobbiamo fare.
    INFINE: semplicemente fantastico , con tutte le verità nascosta da scovare

    Vorrei dire di Assassin's creed 3 che semplicemente non ho provato nemmeno un mezzo brivido forse un quarto. Anzi forse il colpo di scena migliore è stato quando Haytham introduce Lee nell'ordine e gli dice che ora è un TEMPLARE.

    E per quanto riguarda la poca scarica di adrenalina nell'edificio abstergo secondo me dovrebbero imparare dai produttori di Asura's wrath che ti fa sentire i brividi anche solo giocando la demo.

    Devo dire che questa notte non ho dormito, praticamente 24 ore che non dormo o piu, perchè ho finito AC3 per paura che qualche demente a scuola me lo spoilera ed è stato si deludente.
    Praticamente 0 emozioni. Anche 0 misteri solo gameplay . Solo "FIGHERIA GRAFICALE" :( .
    Comunque io sono un ragazzo che era già appassionato di assassin's creed anche delle verità che nasconde ma da poco ho scoperto questo blog e da una settimana mi sono letto i post più importanti. SIETE GRANDI . Spero che non finisca così.
    CIAO

    RispondiElimina
  19. Che dire... mi sento vuoto dopo la fine di AC3.... sembra comunque un prologo per il prossimo , sembra fatto in fretta forse per concentrare il lavoro sul prossimo, per creare la vera fine della saga totale. Poi ho questa cosa in testa che mi suggerisce connor nella rivoluzione francese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso esattamente come te e poi io voglio aver fede nella Ubisoft dopotutto
      è la prima volta che ci che fa un assassin's creed su ps3 di cui ci lamentiamo

      Elimina
    2. si infatti pero per AC forse è tardi, ormai sono schiavi del Dio denaro... non te lo fanno un AC che dia le stesse emozioni del primo o che sia una cosa innovativa come lo era AC1 ai suoi tempi, capace di creare una comunita come la nostra, ti faranno il solito continuo con qualche novità per il contentino..tutto questo senza mancare di rispetto a la ubi, pero dovevano chiuderla qui. Forse gli ha fregati la data del 21 12 2012 che si tirano dietro dal 2008 come scadenza, tra un titolo e l'altro ci è voluto troppo per completarli e il 3 ,che doveva essere l'ultimo anche perche la data è arrivata , non sono riusciti a finirlo in tempo e ci ha delusi ... anche perche si sa che la gatta frettolosa.....

      Elimina
  20. Ho portato a termine la storia di Connor e quella di Desmond appena ieri sera. Ho preferito farlo durare quanto più possibile con l'ausilio delle sub quest per godermelo maggiormente, visto che l'attuale generazione di console produce videogame stupefacenti, ma troppo brevi (AC: Brotherhood è stato il più breve, se la memoria non mi inganna). Lasciando stare tutti i pensieri, ipotesi e opinioni che ho fatto questo pomeriggio inerenti al finale, alle varie sorprese, delusioni e in parte anche all'amarezza, mi limito a commentare più sommariamente il mio giudizio critico sul videogioco nel complesso: trama e gameplay.
    Ricordiamoci quali fossero le premesse che Ubisoft ci aveva riferito a inizio anno: Assassin's Creed III chiuderà la saga delle avventure di Desmond & co. Con queste parole si assicurarono un duplice obiettivo:
    1) NULLA escludeva lo sviluppo di un nuovo Assassin's Creed.
    2) Avremmo finalmente conosciuto il destino di Desmond e della Terra.

    AC 3 ha risposto ad ambedue le promesse-premesse, ma al 50%.
    Tutto lascia pensare che ci sarà un capitolo successivo (lo pretendo), siamo venuti a conoscenza, non senza sorprese, della vera natura di Giunone e del finale di Desmond.
    Ma possiamo chiamarlo finale? Ho i miei dubbi. Poi per quanto riguarda le ipotesi ed opinioni riguardo ciò che è successo scriverò non appena Coso posterà uno dei suoi super-articoli.

    Sebbene avessi detto e mi fossi lamentato ad inizio anno dell'introduzione di un nuovo Assassino, posso dire in tutta sincerità che la storia di Connor non mi è affatto dispiaciuta, anzi si può dire che mi abbia preso moltissimo, specie per i colpi di scena e tutti gli avvenimenti.
    Tuttavia mi sforzo per far sì che il mio giudizio critico sia quanto il più possibile obiettivo: credo che l'amuleto della Prima Civilizzazione passato in mano ad Haytham, Charles Lee e poi Connor sia stato un pretesto narrativo inserito in ultima analisi da Ubisoft. Come dire, la porta del Gran Tempio necessitava per forza di un altro Manufatto? Non bastava la Mela dell'Eden?
    Non so se criticare positivamente o negativamente questa scelta di Ubisoft, però posso darle un punto a favore: dedicare un solo videogame ad un Assassino del presente sarebbe stato in primo luogo impossibile, poiché nel 2012 non ci possono essere Corse Acrobatiche tra Grattacieli, Combattimenti all'ordine del giorno in città, Lame Celate contro Pistole semi-automatiche - la forzatura tecnico-narrativa degli agenti Abstergo nella terza missione di Desmond è squallida - e in secondo luogo avrebbe distrutto la colonna portante della saga rappresentata dal rapporto Antenato-Discendente.
    Aggiungo anche ciò che avete detto voi: la trama di Desmond sembra essere un riempitivo di quella di Connor, ed è stata realizzata molto frettolosamente.

    Attenderò gli articoli di Coso per poi approfondire sul finale e sui colpi di scena avvenuti. ;)

    RispondiElimina
  21. in una delle sue discutibili dichiarazioni hutchinson aveva criticato il lavoro fatto da amancio con la trama di brotherhood e revelations ( ACR a mio parere in quanto trama supera tranquillamente AC3, infatti il finale del capitolo conclusivo di Ezio chiudeva quasi tutte le cornici narrative(se teniamo in considerazione anche il DLC dell' archivio perduto)e aveva la funzione azzeccata di prologo per il terzo capitolo una qualità che ben pochi giochi di intermezzo hanno, inoltre diceva che sin dall' inizio dello sviluppo del gioco quasi tutto il team voleva omettere desmond dal gioco(tranne in alcuni filmati di intermezzo) e fare un terzo capitolo con la sola presenza di connor, e solo dopo molto tempo e non senza aspre critiche gli hanno concesso di inserire alcune missioni del VERO PROTAGONISTA DELLA SAGA nel presente.
    Che poi non capisco la difficoltà di ambientarlo nel presente, bastava semplicemente fare alcuni accorgimenti:
    1)potevano sfruttare meglio l' idea della telecamera che rebecca dava a desmond nella prima missione e collegare la perdita di vita alla diminuzione del segnale e la morte con la perdita del segnale stesso oppure usare l'effetto osmosi per inserire l' interfaccia dell' animus mentre desmond è nel presente (una specie di stato a metà tra animus e vita reale)so che può sembrare forzato ma ho visto barre della vita più ridicole
    2) per quanto riguarda le esplorazioni col parkour avrebbero potuto fare tutto il gioco con tante missioni ognuna con una sua location apposita (tipo splinter cell) e fare una o due mappe esplorabili liberamente come hanno fatto con monteriggioni(in brotherhood in un dialogo con shaun si accennava di una enorme base principale degli assassini simile ad una piccola città dove il gruppo aveva intenzione di andare una volta presa la mela, sarebbe stata una idea interessante avere desmond che gira per la base e magari che si adopera per restaurarla e renderla più efficiente)
    3)per il combattimento si potevano ispirare a tanti giochi come splinter cell uncharted, sleeping dogs ecc. Nell' ultimo elencato gran parte del combattimento è a mani nude e le pistole vengono usate raramente (Desmond è una risorsa preziosa per l'abstergo infatti Vidic lo vuole vivo per questo le guardie attaccano desmond con i manganelli, avrebbero potuto usare questa scusa per poter limitare l' uso delle armi)
    Concludendo non era impossibile creare un AC nel presente e inoltre non dovevano pensare troppo per avere delle idee che funzionassero con il gameplay, LA VERITA' E' CHE UBISOFT NON CI HA NEANCHE PROVATO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ci ha provato infatti hanno creato un nuovo gioco chiamato Watch Dogs che da quello che hanno fatto vedere all'E3 mi ha fatto pensare ad un AC nel presente

      Elimina
  22. Vedo che i commenti sono già tanti, magari con calma me li leggerò per prendere parte alla discussione ;)

    Per adesso, mi limito soltanto a dire "esattamente.". Perchè non so che altre parole aggiungere. La trama del presente è stata trattata frettolosamente, mentre quella di Connor in modo abbastanza piacevole. cosa che non doveva neanche succedere, visto che il focus sarebbe dovuto essere SOLO su Des.

    RispondiElimina
  23. In un mondo ideale sarebbe bello leggere i commenti di tutti per evitare commenti doppi, ma sono le undici di sera e tanto vale che posti il mio particolarissimo commento a questo ultimo capitolo.

    Che dire; da grandissimo amante della serie (che cmq non esita ad attaccare ogni aspetto negativo del gioco) posso finalmente dire che AC3 è un degno successore di AC2.. certo, ci sono voluti due capitoli intermedi che per quanto riguarda la storyline, il gameplay e l'ambientazione sono assimilabili a due enormi DLC, ma lasciamo perdere questo dettaglio...
    Ho trovato AC3 un gioco stupendo per quanto riguarda il gameplay finalmente innovativo (quanto basta), la narrazione e il contesto storico. Questo capitolo ha migliorato ogni aspetto strategico della saga a partire dagli assassini (ora molto più caratterizzati) fino alla gestione della propria tenuta. Contenuti e missioni ce ne sono in abbondanza per passare una settimana incollati al divano. Detto ciò passiamo alla critica. Anni fa, all'uscita del secondo capitolo, credevo anche io come molti che l'ultimo capitolo sarebbe stato dedicato alle sole vicende di Desmond Miles; mi sono ricreduto comprendendo appieno le scelte degli sviluppatori e accogliendo con voglia Connor. Ma ancora non capisco la scelta di limitare (quasi completamente) la storyline principale, le vicende di Desmond. Non parlo in termini di "lunghezza", bensì di contenuti e di narrazione; all'interno dell'animus si è testimoni di discorsi epici e campagne impetuose.. al di fuori restano frasi deboli e nessunissima spiegazione. Sia chiaro, non sono contro ne sono deluso o sorpreso dal finale "aperto", ma tagliare le gambe in questo modo a quello che era l'elemento a mio parere più importante dell'intera saga, quello che mi ha fatto appassionare ad essa (vedere Desmond in AC alla Abstergo che utilizza per la prima volta l'occhio dell'aquila.. stupendo). Non si tratta di cliffhanger; la storia qui doveva finire, o quanto meno chiudere un capitolo, invece è stata stuprata suo malgrado.
    Io sono un grande fan e odio queste cose, ma non sono uno di quelli che deve difendere le cose a tutti i costi; voglio essere obiettivo. Mi stanno bene i centinaia di bug, il volume dei dialoghi a un livello spaventosamente basso.. quello che non mi sta bene è il fatto che questo procedere sia stato del tutto consapevole da parte loro, perché sono andati in cerca di una storia stupenda per Connor e li dove avevano la possibilità di un finale epico e vissuto hanno semplicemente piazzato qualche dialogo pietoso.

    "Ma dico io, almeno una ripresa sul sole e sulla sua attività.."

    Scusate lo sfogo, Matteo

    RispondiElimina
  24. Una domanda: perché secondo voi a Connor non gli hanno fatto il solito costume siglificativo con i colori degli assassini bianco e rosso. Altair ce l'aveva bianco e rosso , Ezio ce l'aveva bianco e rosso apparte in revelations che come Altair l'hanno cambiato per l'età. E invece Connor gli hanno aggiunto il blu. Secondo me è per far vedere che lui non stava né con le giubbe rosse cioè gli inglesi né con i francesi. Ma a me non va giù, solo per questo motivo secondo me non dovevano cambiare la rappresentazione di un assassino. Che ne pensate??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io trovo che in questo capitolo più che in qualunque altro si vede la "somiglianza" tra gli ideali templari e quelli degli assassini. Molto spesso durante il gioco mi sono trovato non solo a mettere in dubbio l'operosità di Connor ma anche a dubitare di giocare dalla parte del giusto. Connor sembra mosso da desideri personali mentre non sa controbattere alle logiche dei templari che nel momento della loro morte rivelano. Lo stesso Washington risulta un personaggio molto ambiguo ai miei occhi in quanto differente da quanto uno è portato a credere prima di vederlo coi propri occhi nell'animus. Connor non fa parte ne dei patrioti ne tantomeno degli inglesi ma è palese la sua alleanza con le giubbe blu perché i loro obiettivi coincidono con i suoi anche solo per il fatto che i templari siano a loro volta alleati con gli inglesi. Il blu nel vestito secondo me va a riferirsi a questo. Connor sarà pure "neutrale" ma si schiera con i patrioti. Non penso che un assassino debba per forza essere bianco e rosso; tant'è che gli altri assassini in questo capitolo sono normalmente vestiti e col capo scoperto.

      Elimina
    2. Infatti sembra quasi che il creedo non esista più.. pero e anche vero che l'ordine si e disgregato da quello che dice Achille no? E sono mto d'accordo con te sul fatto che si somigliano gli ideali templari e assassini

      Elimina
    3. Secondo me Connor doveva imparare di più sulla vita dei grandi maestri come Altair ed Ezio. Se non mi sbaglio c'è solo un accenno ad Ezio.

      Elimina
    4. Anche se è vero anche a me è piaciuta la storia di Connor un po come quella di Ezio che comincia spassandosela e poi gli viene privata la libertà.
      E vorrei chiedere se anche a voi il nuovo volto di Desmond vi è sembrato meno espressivo e più da scimmione che negli altri?

      Elimina
    5. Per la tua domanda di prima: gli assassini vestono di bianco perchè rappresenta la purezza, di rosso perchè rappresenta il sacrificio. In queso caso viene aggiunto il blu, che rappresenta(nell'ideologia americana) la libertà, cui Connor è molto legato.

      -MS-

      Elimina
    6. aaaa be allora lo posso accettare anche se un bel abito bianco e rosso che rappresenta la purezza non mi sarebbe dispiaciuto

      Elimina
    7. Ragazzi non scherziamo. Non paragoniamo il percorso personale di Ezio a quello di Connor.
      Ezio è un adolescente che ha tutto nella vita: donne, soldi, lavoro, amicizie. Improvvisamente perde tutte queste cose, è costretto a lasciare tutto e iniziare un'avventura spinto dal desiderio di vendetta; desiderio che, con gli anni e l'esperienza, viene a mancare. Diventa un mentore per molti giovani assassini e una leggenda negli anni a venire.

      Connor: non vedo tutta questa evoluzione del personaggio. Mi sembra una testa calda che pensa solo a uccidere suo padre e Lee, dall'inizio alla fine. Non ascolta MAI i consigli di Achille, assassina persone inutilmente (non so voi, ma nei famosi discorsi epici in punto di morte le vittime si dimostrano molto più mature e con valori più importanti di quelli di Connor, che li liquida sempre con un "i tuoi modi non erano quelli giusti, muori"), arriva addirittura ad assassinare il suo caro amico d'infanzia plagiato da Lee (secondo me si poteva evitare, decisamente). Alla fine della storia cosa resta di Connor? Perchè deve continuare a scorrazzare per le vie di Boston e NY?! Solo per finire le missioni secondarie?
      Scopre di essere stato fregato da tutti, il suo villaggio viene smantellato, non si mette alla ricerca del suo popolo.

      Non lo so, non mi è piaciuto per niente questo personaggio.

      Sul gioco avete già detto tutto voi: presa in giro per i veri fan della saga, specchio per le allodole per i bambinetti che vanno in giro a caso a uccidere gli animali e arrampicarsi sugli alberi.

      Elimina
    8. Secondo me il percorso di Ezio può benissimo essere paragonato a quello di Connor perché:

      Ezio è un adolescente che ha tutto nella vita: donne, soldi, lavoro, amicizie. Improvvisamente perde tutte queste cose, è costretto a lasciare tutto e iniziare un'avventura spinto dal desiderio di vendetta; desiderio che, con gli anni e l'esperienza, viene a mancare. Diventa un mentore per molti giovani assassini e una leggenda negli anni a venire.

      1:Sul fatto che diventa un mentore per molti giovanni assassini ...... non c'entra nulla perché il paragone può essere fatto solo con Ezio giovane e cioè del primo assassin's creed2.
      2:Si Ezio ha tutto nella vita ma anche Connor ha qualcosa che,visto che è cresciuto con i principi e la fede degli indiani d'america credo sia molto importante e vedere che tutto va a farsi benedire non è bello.

      Dopotutto elenco:
      Ezio:la rissa con i de'Pazzi, le arrampicate sui palazzi("che questa vita non cambi mai." "possa questa vita non cambiare noi"), le scorribande con Catherina sono tutti segni di libertà e molto forti anche.

      Connor: giocare a nascondino(non è abbastanza profondo),correre sugli alberi(non abbastanza accentuato) avere un così bel rapporto con la natura
      : tutti segni di libertà ma secondo me ci hanno dedicato poco tempo.

      Dopotutto sappiamo tutti che non hanno avuto molto tempo cioè si dovevano affrettare e magari volevano mettere tante cose in un certo lasso di tempo e hanno forzato troppo il bagaglio.

      Pero se tu ci pensi è esattamente uguale dopotutto anche lui improvvisamente perde tutto: la madre,il popolo comunque si rende conto che finiranno male se non fa qualcosa.
      E riguardo che è una testa calda ecc. a me sembra esattamente la descrizione di Ezio quand'era giovane.
      Cioè che non gliene fregava nulla della confraternita la quale ha piano piano scoperto grazie allo zio ed ai vari assassini invece Connor ha quel fannullone di Achille che non solo ha abbandonato l'ordine, ma evidentemente non ci vuole avere nulla a che fare.Voglio dire perché Achille non fa qualche lezioncina a Connor sul grande credo degli assassini?Certo che poi non può controbattere quando ammazza un templare e può dire solo che sta nel giusto anche perché vede gli altri il male perché hanno cercato di prendere le terre del suo popolo.
      Concludendo: secondo me la storia di Connor è davvero bella, e molto articolata.

      Elimina
  25. Ciao a tutti sono Black cat. Ok, ho appena finito di leggermi tutti i commenti e a questo punto non mi resta molto da dire. Già in un precedente commento(antecedente all'uscita di AC3) avevo espresso il mio desiderio di poter giocare un AC completamente dedicato a Desmond. A mio avviso (e a questo punto noto non solo mio) era la sola giusta e degna conclusione della saga di videogiochi che più al mondo mi ha emozionato. Putroppo così non è stato. Mi trovo d'accordo con quasi tutte le critiche mosse ad AC3: frettolosità e trascuratezza della trama, poco carisma di Connor (ho quasi fatto il tifo per Haythman, anche dopo averlo scoperto Templare), totale insufficienza di spazio lasciata al nostro Desmond, morte di Cross e Vidic liquidate come se fossero delle semplici guardie, senza alcun riguardo, troppe energie e impegno della Ubisoft spese nella direzione sbagliata. A questo punto pagherei oro per poter subissare la Ubisoft di domande, magari in una bella conferenza stampa come quella che fecero per la presentazione del trailer ufficiale. Temo, però, che gli sviluppatori non abbiano nessun interesse di ascoltare i nostri feedback a questo punto: i nostri soldi se li sono già presi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io qui:(totale insufficienza di spazio lasciata al nostro Desmond, morte di Cross e Vidic liquidate come se fossero delle semplici guardie) aggiungerei perché la fine di Lucy perno assoluto per Desmond nei primi due Assassin's Creed, liquidata come spia dei Templari in una battuta tra Desmond e William ma daiiiiiiiiiiii!!!. Il mio terrore e ritrovarci l'anno prossimo con Assassin's Creed 3,5... (però mi dispiace a questo giro salto, altri 60 euro per avere un pezzettino di trama mi sembrano un'esagerazione).

      Elimina
  26. Ti prego Coso , non per metterti fretta,ma non ce la faccio più ad aspettare qualche teoria/spiegazione/salvezza. haahhah L'aspetto con ansia

    RispondiElimina
  27. Coso, hai notato che per questo capitolo dove avevano promesso i glifi e i cluster, non si è visto neanche un pezzo di enigma collegato alla trama?(per la cronaca i pivots da trovare per la sincronizazzione a cloud non sono cluster ne glifi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa ha infastidito anche me. Mi sono sentito preso in giro...

      Elimina
    2. hei ma invece quel "enigma" mi pare nel sottosuolo di new york della massoneria che si vede con l'occhio dell'aquila l'avete risolto?

      Elimina
    3. Aaa e vero... e invece la triangolazione del segnale a fin gioco? Io non ho interntet quindi non posso andare avanti.. in cosa consiste?

      Elimina
    4. non l'ho capito.. cos'è quell'enigma nei sotterranei ? e dove si trova? non l'ho visto :|

      Elimina
    5. Quegli enigmi da quattro soldi nel sottosuolo e la triangolazione non sono niente in confronto a Glifi e Cluster.
      Cavolo, se si spremessero un po' le meningi, potrebbero fare cose eccezionali.

      Elimina
  28. la triangolazione del segnale serve solo per trovare i pivots che sono delle icone che una volta ottenute ti sbloccano i trucchi come ad esempio quello di avere munizioni infinite ecc.(e come avevo detto nel post precedente non hanno niente dei cluster o dei glifi, inoltre sono di facilità disumana da trovare,una volta che tu posizioni i segnali nella mappa ti basta cercare nella zona verde e il gioco è fatto, inoltre non appena sei vicino ad uno di essi compare la posizione nella mappa, più facile di cosi...)per quanto riguarda le porte che si trovano delle gallerie sotto boston o new york gli indovinelli servono solo ad sbloccare un altro punto per il viaggio rapido in città (per risolvere l' indovinello basta interagire con il foglio con il testo che si trova nella stessa stanza della porta e fare attenzione alle parti scritte in maiuscolo, il resto viene da se...)e continuo dicendo che in questo gioco qualcosa che si avvicinasse ai glifi o ai cluster nemmeno l'ombra.
    E.G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'ultima parte hai parlato del proiettore e dei 4 simboli che devi mettere in ordine. è questo che dici tu che sblocca il passaggio rapido?

      Elimina
    2. aaaaaaaaaaaaaa l'ho appena fatto ed è sbucato semplicemente da una porta come se fosse una di quelle serrature che ti sbloccano il passaggio sotterraneo. Voglio dire che senso ha mettere una cagata della massoneria se poi è uguale ad una serratura, solo per darci il testo dei massoni?????

      Elimina
  29. A me nella mappa degli accessi animus non fa collocare niente nè mi mostra alcuna zona verde .. bug ? :/

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Una domanda: sapete nulla su quel assassin's creed ambientato nella rivoluzione francese???? C'era pure una foto.
    http://www.google.it/imgres?hl=it&tbo=d&biw=1280&bih=909&tbm=isch&tbnid=4w3rhdt3I83xMM:&imgrefurl=http://buddhagaming.it/assassins-creed-3-ambientato-nella-rivoluzione-francese-immagine-81586/&docid=BfpO9JifziYctM&imgurl=http://static.buddhagaming.it/images/2011/04/assassinscreed3_big.jpg&w=900&h=665&ei=BkWtUP2VMvT54QTeoYDQCg&zoom=1&iact=hc&vpx=4&vpy=153&dur=323&hovh=193&hovw=261&tx=181&ty=123&sig=116006531898970948766&page=1&tbnh=141&tbnw=206&start=0&ndsp=25&ved=1t:429,r:0,s:0,i:82

    REALE O FAKE????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ricordo male fake

      Elimina
    2. Risale ai tempi di Brotherhood, è un falso. Anche se spero arrivi prima o poi. Magari con Connor, visto che è a pochi anni di distanza e... fatta una rivoluzione, fai pure l'altra.

      Elimina
  32. Volevo sapere se l'email nel pc di des mandata da da uno sconosciuto il cui testo è ciao fosse il primo tentativo di giunone o se fosse un messaggio inviato da qualcun altro

    -Saks-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è il primo tentativo di mettersi in contatto di Giunone.

      Elimina
  33. Premetto che seguo questo sito da 2-3 anni e gioco a AC dal lontano 2007.. Ok tutti i commenti negativi, ok tutte le critiche, ma voglio porvi una domanda. Quanti di voi compreranno AC4 o vari Spin-off nel prossimo anno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende se ne varrà la pena. Stiamo a vedere.. ma prima mi sa che mi prenderò Brotherood, tanto criticato e additato come spin-off ma a quanto ho visto la trama di Des è molto più azzeccata e soprattutto CURATA di quella di AC3 -.-"

      Elimina
    2. Purtroppo continuerò a comprarlo. Ma mi godrò solo la storia dell'antenato, d'ora in poi.

      Elimina
    3. Anchio sicuramente l'ho comprerò credendo sempre che la ubisoft con un po di tempo in piu mi sorprenderà

      Elimina
  34. Desmond è un cretino... doveva dare retta a minerva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho grandissimi sospetti che sia ancora vivo e vegeto il caro desmond (e questa è anche una mia grande grandissima speranza) e inoltre non credo che sia formato da dati o roba del genere...credo in queste cose perchè alla fine del gioco minerva dice a desmond che conviverà e morirà (morirà se fosse intrappolato nel tempio come giunone sarebbe praticamente immortale) con il peso della sua scelta e non credo che minerva si riferisse ai 5 secondi che lo separavano dal toccare il piedistallo

      Elimina
  35. Finalmente ho potuto gondermi il tanto atteso AC3 (comprato in super mega cazzuta edizione freedom edition per l'occasione). Bè, devo dire che il finale, o non finale, in parte me lo aspettavo già. Infatti non sono rimasto poi molto stupito, già in revelations nel finale ci rimasi male, per come lo tagliano di colpo con un: "so cosa dobbiamo fare", e poi... titoli di coda!.

    Per cui come dicevo, memore della passata esperienza del finale di ac revelations, me lo aspettavo un finale alla "Beatifoul". Speravo un pò ad un finale come Mass Effect 3 (finale con aggiunta DLC postumo) che ha condensato tutte quelle risposte tanto attese, e quelle tragedie umane\aliene, in maniera emozionante e profonda.

    Devo però separare il mio giudizio in due parti:

    1) Storia e gameplay nel passato:

    Semplicemente di alto profilo, le sfacettature sono molteplici a livello narrativo, ed il personaggio di Connor (anche se Ezio rimarrà ormai un icona assieme ad Altair) molto credibile a livello umano, e quindi fallibile. L'attenzione posta nell'instillare il dubbio nel giocatore, conoscendo le motivazioni templari (che mi hanno ricordato con piacer quelle del primo AC in terra santa), fino a fare arrivare il protagonista Connor ad una domanda fondamentale che nessun altro assassino prima di lui si era posto.. Conciliarsi con i templari, visto che i loro fini erano i medesimi?. Insomma, questo aspetto fa riflettere molto. E l'ho gradito molto.

    Continua..

    RispondiElimina
  36. --->

    Il gameplay nella frontiera è semplicemente fantastico. Ambientazione curata al massimo, con un ecosistema credibile e panorami semplicemente fantastici, tant'è vero che avrei voluto fare degli screen in più di un momento. Andare in giro per la frontiera con tutte le sue missioni secondarie, tutte strettamente legate tra loro, mi ha fatto passare in secondo piano la trama. Infatti sono arrivato a quello che non credevo possibile, 5 ore di gioco e cazzeggio, tutto dedicato agli obbiettivi secondari.

    Le battaglie navali per me sono un gioco dentro al gioco. Noiose?, assolutamente no. Sempre diverse per condizioni atmosferiche e tipi di missioni da affrontare. E poi diciamocelo, guidare la propria nave da guerra, con una realizzazione tecnica tale, porta dipendenza. Infatti ho preferito molto le fasi ambientate in mare.

    Continua...

    RispondiElimina
  37. --->

    2: Storia e gameplay nel futuro:

    Le fasi ambientate nel presente, andrò contro corrente, ma a me son piaciute molto. E' vero che ci sarebbe voluto più spazio dedicato, e da quello che ho visto da quelle poche missioni, il gioco avrebbe potuto reggersi tranquillamente come capitolo finale nel presente. Anche se avrei preferito più un 50 e 50 tra passato e presente.

    Arriviamo ai personaggi. Daniel Cross trattato come un povero psicopativo (che in realtà è se ben ci pensiamo..), senza uno straccio di conversazione tra i due, mi ha lasciato interdetto. Però più di tutte è stata la morte di Vidic trattata con molta fretta, a lasciarmi sbigottito, anche se lì per lì non ci si pensa poi molto.

    Io avevo l'idea di Cross come nemesi di Desmond, e che in questo AC3 ci sarebbero state un pò di cinematiche a loro dedicate, fino al loro scontro finale. Scontro finale che a dire il vero mi aspettavo nel tempio, con Cross che avrebbe fatto la sua entrata cercando di uccidere Des e compagnia, con parti ad effetto dedicate. Ma purtroppo cosi non è stata, ed è un vero peccato. Ancor di più se penso ai fumetti a lui dedicati (the fall e the chain), e mi resta ancora il secondo volume di the chain da prendere. A questo punto non so manco se lo prenderò.. visto come muore il mio skizzatello preferito (dopo ovviamente al buon soggetto 16).

    Come vedo il futuro della saga di AC?. Decisamente nebbioso. Da quello che si evince dal finale (SPOILER), l'umanità e' salva, il nostro buon Des schiattato (?) come un cazzoncello che non serve a nessuno, e la nostra Giunone (di cui avevo sgamato gli intenti già nel Brotherhood..) che si appresta a spazzare via l'umanità (perchè di questo avverte Minerva). Come però intenda fare, visto che non è più una presenza fisica, è un mistero.

    Quindi alla domanda: sei rimasto deluso da AC3?, risponderei con un.. "Ni". Da una parte, gameplay e storia ambientata nel passato, ne sono rimasto molto soddisfatto, ma dal finale, ripeto nonostante già mi aspettassi una scelta come questa (ormai di moda), sono sempre rimasto mezzo sconfortato.

    Durante i passati mesi, dopo la fine di ac revelations, mi ero detto: "AC3 sarà l'ultimo che compro o comprerò. Tutto dipende da come si giocano il finale."

    Ebbene.. dopo questo finale, penso che ho finito di comprare edizioni limitate di Assassin's Creed. Mi ero avvicinato prelevando la serie, con i mezzi che ci fornisce la rete, ma dopo essermene appassionato anima e corpo, decisi di acquistare originale, ed in edizioni da collezione\limitate, l'intera saga. E cosi è stato fino ad oggi, ma alla Ubi dovranno sfornare un AC "4" dal punto di vista narrativo superlativo per convincermi a spendere di nuovo i miei soldi, perchè cosi mi sembra di vedere la serie Beautifoul, e di essere visto come pollo da spennare. Onestamente questa prospettiva non mi piace.

    Rigiocherò questo Assassin's Creed 3?. Sicuramente si, perchè come gioco è veramente spettacolare, e tiene davvero incollato allo schermo (su PC è davvero un piacere per gli occhi), come rigiocherò anche gli altri precedenti, come ho sempre fatto in questi anni. Però lo farò con un senso di sconforto dentro di me, perchè li ho sempre giocati pensando che ci sarebbe stata un epica conclusione a unire tutte queste vicende tra passato e futuro.

    Non mi si può dare un ultimo capitolo conclusivo, che di conclusivo non ha neanche l'ombra. Veramente un peccato.

    Alla Ubi devono stare molto attenti adesso, perchè a tirare troppo la corda, poi si rischia di rovinare quanto di buono era stato fatto. E questa saga, era stata una delle pochissime (se non l'unica) interessante nata in questa generazione.

    RispondiElimina
  38. Ho rivisto il finale fino a poco fa.. E devo dire che rivendedolo, mi è sembrato molto meno peggio di quello che mi è sembrato la prima volta. Come pensavo, e come per il finale di ac revelations, va "assorbito" in un paio di volte, riguardandolo per poter apprezzare tutte le conseguenze di quello che il finale porta.

    Rimane il fatto che sarebbe potuto essere condensato meglio con più phatos, senza cambiare una virgola di quello che già il finale originale dice, ma non è affatto cosi male come a molti è sembrato. Me incluso. Purtroppo si sta ripetendo lo stesso episodio che è stato già con mass effect 3, anzi lì le reazioni sono state molto più estese e irritate. Quando si crea una folta schiera di persone che seguono attivamente la trama, come noi, è molto facile deluderci, e molto più difficile soddisfarci.

    Io nonostante tutto trovai gradevole il primo finale di mass effect 3, sintesi, mentre molti altri denigravano i finali in toto. Ancora oggi c'è gente che non è contenta nemmeno con il finale extended che è un signor finale. Lo stesso dicasi anche per AC3, essendo il culmine, ci si aspettava di più con un finale molto più curato registicamente, ma alla fine rimane sempre un gioco con delle sbavature.

    Nemmeno il tanto osannato Kojima (di cui ero un ardito fan) è riuscito a chiudere in maniera corretta a livello registico la saga di mgs, con il 4. Dando un finale di un ora e mezza (cronometrato eh), che ha alcuni momenti di phatos azzeccatissimi, cioè il culmine, senza però poi concludere e distruggendo il finale stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale di Mass Effect 3 rimane una cagata colossale, per una semplice ragione...non spiega che fine fanno i tuoi compagni quando l'Araldo attacca verso la fine, come fanno a ritrovarsi sulla Normandy e come mai, se sono vivi, non ti seguono a bordo del catalizzatore.
      Per quanto riguarda Assassin's Creed 3, l'ho rigiocato fino alla parte finale, salvo poi spegnere la console.

      Elimina
  39. Si vede che non hai visto il finale EXTENDED per parlare cosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no? L'ho visto, e non da risposta alcuna a quella domanda. RIgiocatelo. xD

      Elimina
  40. Mi sa che invece hai bisogno di rigocartelo tu, perchè l'ho visto e risponde a tutti quei quesiti rimasti irrisolti. Si vede quando shep dice ai ragazzi di partire con la Normandy prima dell'assalto finale al portale, permettedogli di mettersi già a distanza e vengono aggiunte altre cinematiche.


    Comunque siamo un pelo OT..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho rigiocato quella parte, e avevi ragione tu. Pardon. xD

      Elimina
  41. Ma anche no! O__o I due compagni che restano con te, quando l'Araldo attacca e Shep viene travolto dal laser rosso, scompaiono ed appaiono inspiegabilmente a bordo della Normandy, quando questa si apre dopo lo schianto. .__.

    In nessun punto Shep dice ai suoi di mettersi in salvo. Quale extended hai scaricato? LOL

    Non c'è un modo di continuare questa discussione in privato? xD

    RispondiElimina
  42. La mia ipotesi e' che si stesse lavorando in contemporanea per la creazione del 4 capitolo e questo spiegherebbe molte cose come ad esempio il fatto che ac4 sia uscito dopo poco tempo rispetto a quando e' uscito il 3 o il fatto che la trama sia stata poco curata. Io gli "assassin's creed" li ho giocati tutti e sinceramente questo capitolo non mi ha deluso sopratutto per alcuni sviluppi nella trama che incideranno moltissimo (la morte di desmond e quella di vidic per esempio). Io considero il gioco come un qualcosa lanciato per tastare il terreno e per vedere se assassin's creed 4 sarebbe stato ben accolto infatti si introducono le battaglie navali e la frontiera che sono ambientazioni che si ritroveranno praticamente su tutte le isole e la navigazione con edward costituira' l'80%del giocosenza contare il fatto chequesto capitolo ha fatto avvicinare molti piú giocatori,inoltre il nuovo processore grafico di cui tanto si e' parlato prendera' forma concreta in ac4 dove persino i movimenti del cappuccio sono studiati,vi invito a vedere il trailer.

    RispondiElimina