martedì 11 ottobre 2011

Una Notte da Assassino

Fino a poche ore fa, non potevo parlare del Fan Day per via di una liberatoria firmata dal sottoscritto che mi zittiva fino alle 18 di oggi.
Il blog ha altre funzioni e altri scopi, credo sia la prima volta che lo uso come diario per qualcosa.
Ma dato che questo qualcosa ha a che fare con Assassin's Creed il post trova il suo posto spontaneamente.


La mia avventura inizia il 30 dello scorso mese con una telefonata anonima che mi dice che son stato selezionato.
Confermo la mia presenza, verrò, dalla Sardegna, il più lontano dei 16 prescelti.

Dopo qualche giorno arriva via mail un invito sintetico in pieno stile Gola Profonda con i dati essenziali per raggiungere la meta prestabilita.



Preparo il viaggio, e qui mi imbatto nella seccatura maxima: son costretto ad arrivare con ampio anticipo e andarmene con ampio ritardo per rientrare nei tempi dell'evento, penso che un sogno così non ritorni mai più, (mi dipingevo le mani e la faccia di blu), mando giù il rospo, compro i biglietti e il mio viaggio ha inizio.

Sveglia alle 4 del mattino, un mio caro amico mi accompagna all'aereoporto, viene a prendermi alle 5, il mio volo è alle 6e40 del mattino.
Arrivo a Linate alle 8 circa, prendo la navetta che mi porta a San Babila, dopo un primo momento di disorientamento, le guglie del Duomo mi conducono al mio primo check point, sono arrivato.



Eccomi qui, la prima dose di noia inizia a entrarmi in circolo, ammazzo il tempo nell'attesa della mia Boa di salvataggio, giro i dintorni, vado a curiosare dentro il duomo, verso le 10 arriva una mia cara conoscenza, Marco aka L'uomo che sapeva troppo, compagno di discussioni e vecchia guardia all'interno dell'utenza delle Verità dell'Animus dal lontano gennaio 2008, quando ancora si sbavava per Altair e quando il blog era solo un topic.
Ci scambiamo una rispettosissima stretta di mano, e benché sia la prima volta che ci vediamo dal vivo, è come se ci conoscessimo da sempre, da lì in poi il resto della giornata vola con velocità disarmante, fino alla fatidica ora X.
Pranzato a casa di una cara amica, e girato un po' per la città nel primo pomeriggio mi avvio verso il punto prestabilito e giungo all'Hotel.
Lì incontro il primo Assassino, Alessandro, follewer del blog, e ci accomodiamo nella hall, tempo 5 minuti e passa un ragazzo con una maglia di AC, gli grido "Assassino!" lui si volta e ci sorride, è Loris, uno dello staff del fan day, ci saluta, ci fa firmare la liberatoria preventivamente e ci dice che possiamo accomodarci già nelle nostre stanze in attesa degli altri. Lì troveremo un piccolo regalo, "indossatelo e fatevi trovare di nuovo qui alle 7e30" ci fa. Salgo in stanza.


Il primo impatto mi gasa, il benvenuto è semplice ma ottimo, un tocco di Assassin's Creed all'ingresso e un messaggio coinciso sul letto.


Purtroppo la maglia è XL un po' larga ma non è un problema, mi do una rinfrescata dopo la giornata da turista vagabondo e all'ora prestabilita scendo nella Hall, incontro gli altri arrivati nel mentre, in mezzo c'è anche la cara Enrychan, assidua frequentatrice del blog, il Fan Day ha ufficialmente inizio.


Si comincia con una cena degna dell'Assassino più nobile, io però ho gusti semplici e diffido delle cose troppo articolate da alta cucina, addento quello che sembra commestibile e al momento della pasta mi riempio effettivamente la panza. Tre di noi compiono gli anni quella sera, il Fan Day rende omaggio ai ragazzi con una torta (buonissima) a tema.


Fatto un brindisi ci dicono di andare nelle nostre stanze, che ci sarà un nuovo regalo (la felpa, anch'essa XL ma sticazzi) e di attendere lì.
Mentre ci dirigiamo agli ascensori, il capoccia dello staff si alza il cappuccio sulla testa, ci dice che La Notte degli Assassini è iniziata e che presto ci porteranno l'Animus, ma che.....?
Entro in stanza con un altro ragazzo, Alfredo col quale la dividerò a fine giro, aspettiamo come ordinatoci.

Ad un tratto, bussata pesante sulla porta, cattiva.

Vado ad aprire e mi ritrovo davanti tre energumeni in camice e targhetta Abstergo al petto che dicono il nostro nome, gli rispondo "si siamo noi", "restate dove siete e non fiatate" mi dicono. Nel mentre un cameraman si intrufola nella nostra stanza e si appollaia rapace vicino alla finestra e ci filma, per minuti, ci filma.
Io ovviamente non gli rendo la cosa facile, me ne sto di spalle ma sopratutto gli sparaflasho in faccia con la mia fotocamera, dovevo immortalare la cosa, per forza.




Gli energumeni tornano e stavolta ci prelevano con forza, riservo anche a loro lo stesso trattamento del Cameraman



Ci indirizzano verso le scale e poi più giù, nel retro, la cosa si fa interessante. (Luca, l'assassino che è dietro di me, mi azzoppa e proseguo con una scarpa a ciabatta.)



Ci fanno salire sopra un piccolo pullmino, in sottofondo alcune tracce bellissime della nuova colonna sonora di AC Revelations. La foto che segue è l'ultimo attimo prima del fattaccio:

Vai con gli anulari mozzati!


Dopo il flash gli energumeni arrivano, ci incappucciano.....................

E CI TOLGONO LE FOTOCAMERE

Da qui l'esperienza si fa esclusiva a disposizione delle sole percezioni sensoriali.
Crepo dal caldo per 5 minuti sotto quel cappuccio dopodiché ci fermiamo. Intravedo gli omaccioni che ci prendono e ci portano dentro, ci sfilano i cappucci.

Qui la libidine, ci troviamo in una stanza completamente asettica, retroilluminata da una luce azzurrognola con un proiettore che spara la schermata di inizio gioco di ACR, a palla nelle casse Iron di Woodkid, musica tema ormai fissata nelle menti di chi ha anche solo incrociato per sbaglio il cinematic trailer dell'E3.
Siamo tutti seduti in terra.
Nel mentre vi dico che si sono aggiunte svariate comparse tutte in camice bianco, ma ce n'è una che salta all'occhio, un uomo semplice, occhi chiari, capelli mossi, farfuglia con altri "dottori" indicandoci in modo randomico, come per dire "quello lo accoppiamo dopo" "a quello fagli un'iniezione di quella roba verde che teniamo in frigo da febbraio scorso" "quell'altro mi piace, tienilo intero", cose così.
Uno dei motivi per cui questo blog esiste
La musica s'abbassa e io ho la conferma che non sono rimbecillito di schianto: è sua Maestà Darby McDevitt Leader Script Writer, lui, il folle che ha tirato su insieme agli altri pazzi quella intricatissima trama che fa da spina dorsale a tutto Assassin's Creed.
Sfortunatamente è solo una comparsa, non può restare, ci introduce la serata dicendo che dovremo superare due prove, per testare le nostre abilità, una divertente presentazione allegorica per introdure la visione di una porzione di singleplayer (inedito) e di una sessione multiplayer tra di noi. Dopodiché sparisce dietro un muro scorrevole.
La prima mostra una missione di Ezio che si unisce ai fratelli turchi per una missione delicata volta a salvare la vita di Solimano da un agguato ad una festa. Insieme a Yusuf e gli altri si travestiranno da menestrelli. Dopo averne storditi una decina, indossate le loro vesti Ezio apre la fila strimpellando rime stonate ma dal contenuto satirico, possiamo apprezzare molteplici sfumature del doppiaggio italiano.
Mentre Ezio usa i suoi nuovi Sensi di Aquila per individuare i sicari nascosti tra gli ospiti, strimpella brevi ritornelli per distrarre la gente permettendo ai suoi alleati di fare un lavoro pulito e di nascondere i cadaveri nel cespuglio più vicino.
La demo termina con un intermezzo dove Ezio spacca il mandolino e conficca il braccetto di questi nel petto dell'ultimo sicario Templare rimasto. Ringraziamento di Solimano, breve conversazione, sipario.

Passiamo in una stanza adiacente, sempre asettica con sedie, televisori e playstation pronte a farci giocare, in una lotta tra i presenti dove il migliore si aggiudica un premio.
Ci sono tre round, due di selezione uno dove gli ultimi otto si scannano per arrivare primi, io tra sviste e poca familiarità con la nuova beta (ho la play rotta da agosto) mi son difeso con un onestissimo terzo posto.
A ogni eliminato affibbiano un cartellino rosso con scritta Abstergo e vistoso "DEAD", nel mentre ci offrono dei dolcini di cartongesso che il dottore insisteva a rifilarci (e che nessuno osava contraddire vista la sua mole mastodontica) probabilmente volti a distrarci durante le sessioni, acqua e altri intrugli vari che io da astemio non ho tentato di assaggiare, li chiamavano con tecnicismi vari per renderli scientificamente attinenti alla situazione di test dei soggetti, con tanto di voce esterna che ci avvisava.
Io nel mentre stavo sotto il bocchettone dell'aria condizionata e crepavo dal freddo, ero l'unico col cappuccio indosso. Nel mentre da un vetro in alto nella parete di fronte a me, dei tizi con una maschera bianca inespressiva ci osservavano come topi sotto sforzo.

Finita la sessione arrivano gli assassini a salvarci (i ragazzi dello staff) nel mentre parte un messaggio audio, una voce inconfondibile si diffonde nell'aria: è quella di Diego Baldoin, il nuovo Ezio, che ci nomina uno a uno e ci dice di non mollare, ci fa fare il giuramento Assassino e ci congeda tutti.
Fuori dal palazzo dove eravamo ci attendono dei Taxi che ci riportano all'Hotel, nel mentre parlo con l'autista curioso e gli dico che siamo un manipolo di Assassini. Dice un "ahm" di circostanza e cambiamo discorso.
Gli mostro la mia lama celata (non è vero).

Rientramo in Hotel è ora tarda e i ragazzi dello staff ci indicano il bar dell'albergo per poterci rifocillare, ci sediamo, conversiamo tra di noi, ad un tratto spunta un uomo distinto, giovane, pizzetto curato, come apre bocca in mente mi dico "Lo sapevo cazzo!".
E' Diego Baldoin, nuovo (azzeccatissimo) doppiatore di Ezio in ACR, una persona squisita, alla mano, umile, uno di noi.
Talmente uno di noi che quando gli dico che gioca un ruolo fondamentale perché è "La voce italiana di un Assassino italiano", mi dice "No dai, non dirmi così", geniale.



Si siede, prende in mano una birra e si unisce al giro. Ci chiede il perché della nostra presenza, cosa ci ha fatto vincere, si scatta foto con noi, autografo doveroso, risponde a un paio di domande.
Momento topico quando ci rilegge una piccola parte di frase che durante il fan day non s'è sentita per via dei microfoni. Io ero troppo in estasi e quando mi son reso conto che dovevo filmare era tardi ma quel poco che si sente basti.



Si fanno le 2 e mezza di notte prima di andare a dormire ci intervistano al volo e si va a nanna, con un sorriso che parte da orecchio a orecchio, come i bambini a Natale.
Il giorno dopo si lascia l'hotel a mezzogiorno, io devo ammazzare il tempo fino alle 6 di sera, ho l'aereo che parte alle 21 e 40.
Mi raggiunge Markuz in stazione centrale, e mentre cazzeggiamo in giro per Milano gli racconto tutto quello che avete letto finora.

Lascio questo particolare per ultimo, prima che Diego arrivasse al bar, partono le premiazioni, gadget vari.
Torno a casa con questo ricco bottino.



Concludo col dire che durante la chiacchierata coi ragazzi della Ubisoft è venuto fuori che tenevano d'occhio il mio blog da un pezzo e che mi stavano praticamente aspettando (uno di loro mi ha detto che sono pazzo furioso. E Cosodelirante approva.), cosa che non ha fatto altro che rendermi orgoglioso perché se ero in quel Fan Day, lo devo anche a tutti voi che leggete.

Grazie per avermi concesso questa possibilità, davvero.

da Cosodelirante è tutto


Salute e Pace

23 commenti:

  1. la cosa più bella, ma allo stesso tempo inquietante, di questa esperienza, secondo me si racchiude tutta in questa parte: "durante la chiacchierata coi ragazzi della Ubisoft è venuto fuori che tenevano d'occhio il mio blog da un pezzo e che mi stavano praticamente aspettando (uno di loro mi ha detto che sono pazzo furioso. E Cosodelirante approva)."

    Coso...ho l'impressione che qualche idea per il seguito di AC l'abbiano rubata da questo blog.
    O magari ti offrono un posto di lavoro, chi lo sa xD

    Comunque mi fa piacere che tu abbia passato questa bella esperienza....Vittoria agli Assassini!

    RispondiElimina
  2. Mentre Leggevo Mi Son Talmente Immedesimato Che Mi è Sembrato Di Vivere Questa Giornata Al Posto Tuo Coso!!! Bravo e Continua Così Con La Tua Pazzia! :-D

    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Caro fratello assassino, ora abbiamo la stessa litografia in edizione limitata. Un saluto dagli Assassini del Fanday di Brotherhood ;)

    http://lantaworld.blogspot.com/2010/10/il-file-di-memoria-dellanimus-di-ezio.html

    RispondiElimina
  4. grande collega assassino! bel post! salute e pace!

    RispondiElimina
  5. Lol sono io l'assassino che ti ha azzoppato XD

    RispondiElimina
  6. Il fan day dell' anno scorso si era tenuto a Monteriggioni, molto bello sìsì, ma io avrei scelto di partecipare a questo.

    anche a me, mentre leggevo, sembrava di aver vissuto tutto. i frangenti in cui erano mensionati gli emergumeni son da ridere, ma di certo il tutto forniva un' esperienza fantastica.

    per non parlare delle persone che poi hai incontrato. Soprattutto i nostri carissimi e stimati fratelli Assassini, tra i quali Markuz, Enrychan e l' uomo che sapeva troppo (quelli che conosco)

    oltre alla presenza del nuovo doppiatore di Ezio, uno dei pilastri della trama di AC e di tutto lo staff.. che dire.. stupendo!

    Salute e Pace a tutti!

    RispondiElimina
  7. Ciao, sono un partecipante dello scorso Fan Day che si è tenuto a Monteriggioni.

    Naturalmente quest'anno non ho partecipato ma c'è stata una persona che dovresti aver conosciuto.

    Veniamo al dunque: ella mi ha scritto una recensione dell'evento, che mi servirà per un articolo da inserire domani su Leganerd.com e Mentedigitale.org

    Potrei utilizzare un paio di tue foto ed il video del "prelevamento coatto"?
    Naturalmente in caso positivo inserirò il link attivo a questo post ed un ringraziamento a te in quanto autore.

    In attesa di risposta ti saluto.
    William J.

    RispondiElimina
  8. William fai pure! ;)

    A tutti gli altri un grande grazie! :)

    Tranne a luca che mi ha pestato il piede e m'ha fatto perdere la scarpa!

    RispondiElimina
  9. FullMetalGlicoz13 ottobre 2011 00:12

    Permettimi di usare questo commento (nonchè il primo che scrivo sul blog), per un doveroso, e poderoso: STICAZZI PER IL FAN DAY (o meglio fan night, secondo me)!
    E soprattutto per tutta la roba stilosissima!

    RispondiElimina
  10. Esperienza fantastica *-* che darei per farne una simile anche io. In ogni caso la tua è meritatissima, complimenti! (il libro che ti hanno regalato ce l'ho anche io, leggitelo che è fatto proprio bene)

    RispondiElimina
  11. complimenti a coso delirante ; avrei una richiesta ho trovato questi video su youtube http://www.youtube.com/watch?v=-EWLQbb8JfM&feature=channel_video_title e
    http://www.youtube.com/watch?v=sEWDKYNBeHc&feature=relmfu con il soggetto 16 originale ma è in inglese vi dispiace farci un pensiero?

    RispondiElimina
  12. Certo che ci dispiace! Quei video sono spoiler grossi come una capanna!

    RispondiElimina
  13. Ho pubblicato la recensione su Mente Digitale.
    http://www.mentedigitale.org/news/2011/10/assassins-creed-revelations-recensione-fan-day-2011/

    Naturalmente ho inserito un hotlink a questa pagina con i dovuti ringraziamenti.

    Dimmi se dovrò linkarti anche l'articolo che inserirò domani su Lega Nerd.

    Spero ti faccia piacere.
    Ciao!
    William J.

    RispondiElimina
  14. Si William, se ci dai un link anche nel prossimo articolo sarebbe ottimo! :)
    Ti devo chiedere un solo piacere, metti il link generico al blog quando lo inserisci, perché magari il lettore che arriva e pigia sul link vede il diario di bordo e potrebbe fraintendere il contenuto del blog! :) In ogni caso, GRAZIE MILLE!!!!

    RispondiElimina
  15. Ok, edito tutti e due gli articoli.
    Quello si Lega Nerd lo trovi qua:
    http://leganerd.com/2011/10/14/assassin’s-creed-revelations-–-recensione-fan-day-2011

    Ciao.
    William J.

    RispondiElimina
  16. Corro a leggere! Grazie William! ;)

    RispondiElimina
  17. Wow, giornata memorabile! Grazie del resoconto delle tue avventure e complimenti: te le sei tutte meritate! Grande Coso, continua così!:D

    RispondiElimina
  18. coso ma nn avete pensato di lottare?? o avete accettato passivamente??

    RispondiElimina
  19. Fondamentalmente si abbiamo accettato passivamente perché il rapimento faceva parte della serata, però in effetti fare una cosa del genere metteva in evidenza un po' troppo la finzione della cosa.
    Era paradossale: hanno architettato una cosa che doveva sembrare realistica ma allo stesso tempo molto di quello che accadeva faceva trapelare la finzione della situazione. Non so se mi sono spiegato bene.

    RispondiElimina
  20. wow....!! Da quello che ho letto deduco che sei SARDO giusto? e anche io lo sono....:) da che paese ci insegni tante cose su assassin's? comunque ti invidio abbastanza per questa giornata da assassino.. complimenti per il resoconto...

    RispondiElimina