martedì 25 gennaio 2011

Quelli venuti prima - Accenni di Paleoastronomia

Corrado, meglio conosciuto tra l'utenza di Gamesvillage come il buon Assurbanipal, è una persona degna della mia stima. Coinvolto anche lui nelle speculazioni delle Verità dell'Animus tempo fa tirò fuori un post circa l'interpretazione di Quelli venuti prima sotto una chiave di lettura di matrice "aliena".
Dato che le sue parole sono più che eloquenti, cito testualmente il suo intervento direttamente estrapolato dalla discussione del topic ringraziandolo per il piccolo ma prezioso contributo.


Il buon Assur
"Credo, e posso dirlo con una certa sicurezza, che molto di quanto i signori di Ubisoft Montreal hanno scritto (e scriveranno) sia ispirato alla bibliografia ufologica contemporanea, con particolare riferimento alla cosidetta "paleoastronomia".
La paleoastronomia (o archeologia spaziale) studia reperti e testimonianze storiche e preistoiriche di antichi visitatori, astronauti antelitteram che avrebbero solcato i cieli del passato e scritto la storia della nostra mitologia millenaria.
Tra questi (oltre alla necessaria introduzione che ne dà, già nel 1970 Kolosimo) il più "autorevole" studioso e prolifico scrittore risponde al nome di Zacharia Sitchin.
Il nostro, un sumerologo di fama dubbia, conoscitore e traduttore dell'accadico, ha prodotto, attraverso i suoi scritti, una particolare rilettura delle testimonianze della letteratura mitologica sumera, in particolare dell'Epopea della Creazione, dell'Enuma Elish e dell'Epopea di Gilgamesh. Si è preso poi la briga di confrontare questi miti con quelli delle altre tradizioni, semiti, egizi, ecc.ecc, ponendo la mitologia sumera come quella "originaria".
Non mi dilungo sui dettagli, e corro direttamente al punto.
Sitchin ricorstruisce la storia dell'origine dell'uomo pressapoco come segue:
Prima della nascita dell'uomo, un'astronave ammara negli oceani del pianeta terra.
Si salvano tutti a bordo, in numero di 12 (numero ricorrente in quasi tutte le culture, ma per fattore unicamente matematici e legati all'estetica del sacro...) il primo pantheon della storia della civiltà. Questi dodici dei, definiti nelle leggende come Anunnaki (tradotto in maniera letterale = quelli che vengono dal cielo) vengono da un pianeta non troppo lontano, Nibiru (il famigerato decimo pianeta del sistema solare) e da lì partiti alla ricerca dell'oro, fonte di energia primaria per la loro civilizzazione (di qui, per Sitchin l'attaccamento dell'uomo a questo metallo) e di cui, evidentemente, erano divenuti privi.
Questi stabiliscono uno spazioporto nel Sinai, dove iniziano le riparazioni della loro astronave. Nel frattempo, come prevedibile, scoprono le ricchezze auree della nostra terra e decidono di iniziare gli scavi. Ovviamente, c'è bisogno di forza lavoro e gli animali non sono sufficientemente capaci di gestire lavori di estrazione: decidono di utilizzare una specie animale affine alla loro struttura fisica per "creare" esseri intelligenti che possano lavorare per loro (evidentemente pure a lungo termine).
L'affinità genetica non è casuale: una delle teorie più diffuse oggi sulla nascita della vita sulla terra è quella della panspermia, ovvero dell'arrivo di materiale genetico (certamente batterico) sulla terra dalle stelle, attraverso asteroidi (che nelle fasi iniziali della terraformazione piovevano come grandine). Per Sitchin (sempre secondo la sua lettura, in questo caso allegorica, delle scritture sumere) la terra originaria (Tiamat) sarebbe entrata in collisione con Nibiru in epoce remotissime, scambiandosi perciò anche i batteri che, evidentemente, hanno dato vita a forme di vita molto simili ed a percorsi evolutivi altrettanto prossimi a quelli terrestri.
Quindi la creazione umana sarebbe stata una sorta di "evoluzione indotta"...ovviamente questo lascia il tempo che trova...riguardo Assassin's creed però, aiuta: nel video del soggetto sedici, EDEN, Adamo ed Eva si arrampicano lungo quello che sembra essere un edificio dalle ampie vetrate, di cui, per pochi attimi, possiamo avere uno scorcio in trasparenza. Ci sono degli uomini, vestiti come Adamo ed Eva, intenti nella lavorazione di metallo, o comunque, ridotti allo stato di operai privi di libertà e forse persino di coscienza "umana".
Sitchn parla di un evento simile, di una liberazione del genere umano dalla schiavitù e trova nell'atto di ybris del cogliere il frutto dell'albero della conoscenza (il pomo) proprio l'origine di una guerra (guerra di cui parla chiaramente Minerva nel finale di AC2) che riscatterà l'uomo e che porterà gli Anunnaki a lasciare la terra.
Ora, in AC2 molto di questo è presente:
-Uomini schiavi in una specie di colonia nel nulla (il Sinai)
-Adamo ed Eva rubano il pomo ed innescano una guerra
-Gli dei lasciano la terra poiché spazzati via da un cataclisma (in questo la storia di AC diverge e mi sembra anche lecito che lo faccia)
I frutti dell'eden sono stati costruiti dagli Anunnaki (più volte citati in AC2) per controllare gli esseri umani creati per lavorare. Gli uomini si sono liberati dal controllo dei loro padroni rubando gli oggetti del potere (o uno di essi) dagli dei stessi forgiati."

Appunto personale: A ben vedere, l'osservazione di Assurbanipal non fa una grinza, specie se consideriamo alcuni indizi che ci forniscono i Glifi, con riferimento alla mitologia sumera. A tal proposito possiamo osservare anche alcuni particolari nella cripta nel Vaticano dove si mostra Minerva, la comparsa di scritte cuneiformi ,  peculiare metodo di scrittura sumero, lungo tutte le pareti, è un segno sufficiente per un collegamento diretto.

9 commenti:

  1. come ho scritto anche sul forum,queste somiglianze possono spingere a pensare che la catastrofe che abbia spinto gli dei a lasciare la terra potesse essere il diluvio...
    AC sembra essere il videogioco del libro "il pianeta degli dei" di Sitchin

    RispondiElimina
  2. The members of the First Civlization (like Minerva and Juno) are among the most mysterious aspects of the Assassin’s Creed mythology. While Revelations probably won’t answer every question you may have about this long-lost race (“They’re not space aliens!” McDevitt* clarifies), they still play an important role
    (da game informer http://www.gameinformer.com/b/features/archive/2011/05/13/ac-revelations-back-to-the-present.aspx?PostPageIndex=2 )
    [*Assassin’s Creed Revelations’ script writer Darby McDevitt]

    RispondiElimina
  3. Speriamo, ne vedremo delle belle!

    RispondiElimina
  4. Ricordo che cercando qualche info su questa civiltà ho letto una pagina di un libro in cui si parlava di questi "alieni" venuti da un'altro pianeta del sistema Solare ormai distrutto. Si faceva riferimenti agli asteroidi, probabili resti di un pianeta morto.. (tutt'ora muniti di telescopio potete vederli in certi periodi) vabbè ritornando al discorso, nel testo si parlava della precisa storia di chi è venuto prima.. e le date dovrebbero risalire all'incirca a 10.000 anni A.C. quindi 3000 anni prima della creazione degli assassini

    RispondiElimina
  5. sinai? ma se si vede il kilimangiaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirko leggi con più attenzione, Corrado non si riferisce al monte specifico visto nel gioco ma a quello storiografico della paleoastronomia. E' un parallelismo.

      Elimina
  6. io lessi "la seconda genesi" di Sitchin e la trovai quasi illuminante; da come ho potuto interpretare il libro, il gioco e la bibbia, pare che gli dei si siano accoppiati con gli umani appena creati, dando vita ad una razza ibrida, questa razza avrebbe poi un possibile gene che la rende non soggiogabile dalla mela. Il diluvio universale non sarebbe altro che una pulizia etnica, un modo per eliminare questi ibridi....tornando a noi: credo di poter intuire che questa razza ibrida e i fantomatici "assassini" possano essere la stessa cosa, questo spiegherebbe come alcuni, pochi, sarebbero in grado di non accettare la schiavitù alla quale siamo sottoposti ogni giorno ai nostri tempi. Esiste tuttalpiù un libro "il segno di caino" dove verrebbe esplicitato che il simbolo del fratello cattivo di adamo ed eva sia appunto la croce templare, insomma, assassini e templari forse hanno radici molto più vecchie di quelle studiate nei libri di storia, possibile che possano ricondursi alle altre civiltà evolutesi prima della nostra?
    Perchè i produttori di assassin's creed hanno potuto inserire dati cosi sensibili al proprio interno?
    Perchè dopo il terzo capitolo (quello di connor) non sono state più inserite "cose" come queste? Che dietro a questa saga si celi qualcosa di più grande? Sembra quasi un richiamo alle armi per chi è in grado di porsi qualche domanda e di cercare una risposta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scadiamo nei complottismi. Questa cosa di ricercare messaggi diversi dalla volontà di intrattenere sono deleteri.

      Non ultimo questo pezzo è piuttosto datato, seguendo il tag "dei" trovi approfondimenti molto più recenti.

      Elimina